Ho voluto la bicicletta

A Dicembre 2014 mi sono comprato la bicicletta da corsa. Ormai è passato poco più di un anno. E’ stata una decisione impulsiva. Sapevo di non essere capace ma allo stesso tempo la voglia di imparare non mancava. Per fortuna ho il fratello bravo che ha fatto ciclismo. Guardiamo alcuni siti e visitiamo un paio di negozi. Le occasioni sembrano tutte finite. Una bellissima Coppi in carbonio a prezzo stracciato ci scappa per una questione di ore. Ma se i ciclisti in zona via Padova son rimasti senza offerte, quelli di Lambrate possono ancora dire la loro. E una volta entrato dal ciclista di Via Porpora la trovo. E’ polverosa e nascosta da altre bici. E’ in conto vendita e monta ottimi cambi. Mio fratello è subito convinto, io tentenno. Negli occhi le biciclette super sport, dai colori fulminanti. Quella di fronte a me è rosso Ferrari. Dopo qualche minuto uscivo con due ruote in più.

Le prime uscite sono state dolorose. Prima di tutto il male al culo. Devastante. Questi sellini sono criminali. E poi mentalmente. All’inizio si combatte contro una sensazione di precarietà costante. I freni verticali sono scomodi e l’idea di avere i piedi attaccati ai pedali è terrificante. Ma piano piano ho cominciato a macinare.

Una piccola soddisfazione l’ho avuta quanto, a termine di un allenamento, ci siamo presi un caffé ad un bar vicino a Viale Argonne. Con le bici appoggiate alla siepi, seduti ad un tavolino, abbiamo visto un vecchietto fermarsi, guardare la mia bici, ed iniziare a parlare del ciclista che l’ha fatta, che era in gruppo con lui quando entrambi andavano in bici 40 anni prima.

Poi è iniziata la fase della manutenzione. Imparare a pulirla, a sistemare i cambi, a stringere le pedivelle con la chiave dell’otto. E si impara anche a gonfiare le gomme, a sgonfiarle a fine gara (non averlo fatto mi è costato un copertone squarciato) e anche a sfruttare il fratello bravo per qualche riparazione dell’ultimo minuto (cambio di copertone e camera d’aria in macchina verso il Triathlon dell’Idroscalo).

Be the first to comment on "Ho voluto la bicicletta"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*